Personal tools

You are reading the articles stored in Tutorial

Sep 24, 2009

How to revive an unstartable Plone 3.2.2 under windows XP Pro SP3

Filed Under:

You may have experienced erratic behaviour from installations of Plone under Windows XP. This contribution, based on my personal experience and on what I found searching the web, will hopefully let you fix a Zope service that become unstartable without any apparent reason, or at least find a workaround by running runzope.bat from the command line.

In mid-september 2009 I downloaded and installed successfully the Plone 3.2.2 bundle for windows, including Python and Zope 2.something (you already understood that I am not an expert in the field).

Plone worked fine, I customized my local installation (to be used for demo purposes) without any problem.

After two days without using Plone (that I usually started from the "Plone Controller" application) I found that the "Plone Controller" could not start anymore the Zope instance. The Zope instance service - even though marked for automatic start - could not be started, the windows system log messages were useless (error 01x, no explanation).

In similar situations, usually Zope may be started by runzope.bat from the command line: I tried that workaround that proved effective, even though I did not engage in a full set of site update and configuration: some posts in technical fora suggest that this solution does not necessarily provide a fully working Zope / Plone instance.

Not fully satisfied with the workaround, I explored the Web for solutions, and here is what I found and applied successfully (ZI = Zope instance, PC = Plone Controller, RZ = Runzope.bat). All the paths are the default paths resulting from a default run of the Plone Win 32 bit installer. Here is a sequence of all the steps, problem and solution.

  • ZI could not be started by PC - issues error message in endless cascading pop-ups
  • Plone local site (in my case, http://localhost:8080/PloneCesare) is obviously inaccessible
  • At this stage, ZI *could* be manually started by RZ, issuing from the command line: 
C:\Programmi\Plone\parts\instance\bin\runzope.bat
  • Plone local site http://localhost:8080/PloneCesare now is accessible, but PC is not aware that ZI is started, as long as PC "sees" only the Zope service, not the manually started instance
  • Zope Instance service (default name:"Zope instance at C:\Programmi\Plone\parts\instance") remains unstartable. Furthermore, it does not seem to retain the parameters set from the Windows "Services" interface.
  • To solve the issue, I reset the service options, by issuing from the command line:

 C:\Programmi\Plone\python\python.exe C:\Programmi\Plone\parts\instance\bin\zopeservice.py --startup auto install


The execution returns the following lines:

Installing service Zope_78966557
Changing service configuration
Service updated

 

  • Then, still not entirely trusting the Windows Service interface, I try to start the service manually:
  •  C:\Programmi\Plone\python\python.exe C:\Programmi\Plone\parts\instance\bin\zopeservice.py start
  • Execution returns the following line:
  • Starting service Zope_78966557
  • Now the plone controller sees that the instance is running and enables all its functions, including the ZMI
  • Under "Services", the service is up and running
  • Service may be freely started and stopped both from the PC and from the window's "Services" panel. 
  • Plone works fine
  • Please note that most of the information available on the Web about similar issues refers to older Plone versions, and may not apply to the newest releases. Please note also that Win XP Home may behave in a different way.

    Sep 16, 2009

    Single sign-on HTTP su Lotus Domino in ambiente Windows

    by fabio
    Filed Under:

    Come realizzare SSO su HTTP in ambiente Windows per applicativi Lotus Domino

    Durante lo scorso Lotusphere 2009 a Orlando avevo assistito ad una interessante sessione in cui venivano spiegati i piani e le modalità di integrazione tra ambienti Windows e Lotus Domino.

    Di particolare interesse una dichiarazione rilasciata dalle persone IBM in merito al SSO HTTP: " Ragazzi, abbiamo intenzione di farla e lo standard che utilizzeremo è SPNEGO." Wow mi son detto! Con questo risolvo un bel po di situazioni ... peccato che non hanno annunciato quando sarà rilasciata.

    Bene il "quando" è domani, o meglio la prossima release (8.5.1). Basti guardare la documentazione tecnica già presente sui wiki ufficiali IBM.

    Windows single sign-on for web clients - Lotus Domino 8.5.1 Documentation

     

     

    Aug 26, 2009

    How to use Solr score's in plone search

    Filed Under:

    For one of our customers we need to implement more sophisticated search, then the default plone one. Using collective.solr and rt.solr it's quite easy.

    Thanks to Jarn's collective.solr package you can easily use Solr search engine in Plone. What we have been missing in current implementation is a way to make use of solr/lucene score (relevancy). That's why we are working on rt.solr package - Solr score configuration implementation. Here's what we have so far:
     
    Solr configuration
     
    You can set score for Field and ZCText indexes and value for Field index (ZCTextIndex is using the SearchableText value from query). 
     
    Above example then is translated to proper Solr query:
    Description:%(searchterm)s^10 Title:%(searchterm)s^20 portal_type:Folder^10 portal_type:Document^30 review_state:published^100
     
    and added to collective.solr search query. 
    The result than is:
     
    Results
     
    Stay tuned for more information about release of rt.solr package ;-)
     

    Aug 14, 2009

    mappe google su plone

    Filed Under:

    Lo sapete tutti, ormai siamo tutti molto web2.0 e una delle funzionalità più cool è geotaggare i contenuti rendendoli visibili su una mappa. E Google nella sua magnificenza ci offre un buon servizio di mappe con apposite API per utilizzarlo.

    In Plone sono stati realizzati, nel tempo, diversi prodotti da varie aziende nel mondo:

    L’ultimo in ordine di tempo e sicuramente il migliore, ovviamente imho, è Products.Maps di Jarn.

    products.maps


    Un sacco di Location colorate su una mappa

    Offre poche ed estremamente utili funzionalità:

    • un nuovo contenuto “Location” (”Posto” in italiano), con tanto di icone colorate e ricerca del punto sulla mappa e preview del risultato. In pratica una pagina standard di Plone con in più la funzionalità di essere “piazzata” su una mappa.
    • una vista che disegna una mappa di google e che è applicabile via menu a cartelle e cercatori

    Utilizzando Maps puoi quindi creare delle cartelle all’interno delle quali inserire “posti”. Essendo contenuti plone questo significa che puoi associare permessi, workflow, parole chiave ecc.

    A questo punto puoi anche creare il tuo cercatore che prenda tutte le location con una certa parola chiave o quelle in un certo stato e visualizzarle assieme.. in una nuova mappa.

    Ma la cosa migliore che fa è di essere stato realizzato con tecnologia Z3 il che lo rende facilmente estendibile. quindi…

    redturtle.maps.core

    Il punto fondamentale è: Products.Maps è un ottimo prodotto, ma.. non tiene conto di tutti gli altri contenuti Plone. Nemmeno quelli base. Insomma, tutti i contenuti plone (basta che estendano ATContentType) hanno un bellissimo campo “Location” in cui solitamente indichi un indirizzo. Questo campo è bellamente ignorato da tutti. Eppure sarebbe così utile.

    L’idea che abbiamo avuto con Andrew Mleczko è stata quindi quella di estendere Maps fornendo un adapter (o un set di adapter) per tutti i contenuti plone. L’unica condizione è che abbiano il campo Location valorizzato. Et voilà redturtle.maps.core è uscito dal cilindro.

    Hey, nulla di devastantemente complicato (e questo il bello di plone..). Ma, secondo me, è esattamente quello che mancava per chiudere il cerchio.

    Una prima release è stata rilasciata in occasione del Linuxday 2008 e ho avuto la possibilità di presentarla a Ferrara.

    Poi, l’appetito vien mangiando, Andrew e Luca Fabbri hanno dato un ulteriore contributo alla cosa: il secondo ha migliorato la parte di query a google per tradurre l’indirizzo in coordinate geografiche, il prima ha dapprima realizzato una portlet (redturtle.maps.portlet) e quindi ha reso disponibile un template che effettua ricerche basate sui parametri che gli vengono passati e visualizza il tutto, ovviamente, in una mappa.


    Vedi come funziona

    Nel frattempo ho esplorato la possibilità di avere baloon e icone differenziati per tipo.

    Sempre sfruttando le funzionalità di plone/zope3 il comportamento relativo ai baloon potrà essere “overridden” in qualsiasi momento. in questo senso redturtle.maps.core è una specie di configurazione “out-of-the-box”.

    Per il futuro, ci sono tutta una serie di funzionalità che vorremmo sistemare. Ad esempio i baloon appaiono veramente enormi: un contenuti plone è troppo verboso. Occorre pensare ad una soluzione.

    Non nascondo che mi piacerebbe riuscire ad integrare il tutto in un’unica soluzione con Maps.

    Stay tuned.