Personal tools

You are reading the articles stored in Tutorial

Nov 08, 2013

Mobile device detection con Apache Mobile Filter (AMF)

Device sniffing

Mobile device detection con Apache Mobile Filter (AMF)

Filed Under:

Introduzione al Mobile device detection con Apache Mobile Filter, per capire "cosa sono" e "cosa sanno fare" i dispositivi mobili utilizzati dai vostri utenti

Il processo di identificazione dei dispositivi mobile, utilizzati per la visualizzazione di un'applicazione web, si chiama mobile device detection o device detection.

Questa pratica trova tipicamente impiego nello sviluppo di applicazioni web che hanno come target entrambe le piattaforme mobile e desktop, ossia risponde alle domande "cosa è" e "cosa può fare" il dispositivo che ha effettuato la richiesta, fornendo indicazioni utili per calibrare la risposta da servire.

Le informazioni ricavabili dall'analisi della delle richieste HTTP, variano da poche unità a qualche centinaio e la quantità e la qualità dipende dal software utilizzato.

In ambito Open Source un esempio pratico di software per il device detection è Apache Mobile Filter (AMF).

amf

Ideato da Idel Fuschini, AMF consiste in un modulo Apache (costituito da una suite di moduli Perl), il quale, con l'ausilio di un device repository (WURFL, DetectRight e 51Degrees), determina le caratteristiche dei dispositivi e propone il risultato sotto forma di variabili d'ambiente facilmente leggibili dall'applicazione web.
AMF può essere utilizzato principalmente in due modalità.

read more

Nov 05, 2013

mr.scripty: il MacGyver dei tuoi buildout (graffette incluse)

Ho smesso di fumare, tranne prima e dopo MacGyver (Selma)

mr.scripty: il MacGyver dei tuoi buildout (graffette incluse)

Filed Under:

Oggi mi sento anni 80. All'epoca stravedevo per MacGyver. Passati tanti anni realizzi che un informatico alle prese con un buildout, MacGyver ci diventa...

Suppongo che i miei lettori già conoscano, ammirino e temano la potenza di zc.buildout.

Suppongo che i miei lettori già conoscano, ammirino e temano la potenza di MacGyver.

read more

Oct 22, 2013

A brand new Javascript library for progress activity monitoring

XPages with pace.js

A brand new Javascript library for progress activity monitoring

Filed Under:

A brief explanation on how to integrate this new JavaScript library, pace.js, within our XPages. Very cool... and, I hope, very useful

As we all know, the advent of Web 2.0 has introduced many advantages, which of course I'll not mention, such as the ability to make asynchronous calls on a page.

Many times I have used this technology, using some of the most popular Javascript frameworks (Prototype, JQuery ...), but sometimes manage progress indicators can be a little bit boring.

This library is right for us.

read more

Oct 16, 2013

Portale con sezioni in lingue diverse: una possibile soluzione

it, en, fr, de. ogni sezione ha la sua lingua!

Portale con sezioni in lingue diverse: una possibile soluzione

Filed Under:

Un esempio pratico di come avere delle parti di un sito con l'interfaccia Plone in una lingua differente dal resto del portale

Ultimamente mi è capitato un problema interessante: un cliente ha chiesto la possibilità di avere un sito in una lingua (italiano) e solo alcune sezioni in un'altra (inglese).

Queste sezioni, oltre al testo inserito nei contenuti, dovevano anche avere tutta l'interfaccia di Plone in inglese, ovviamente.
Come prima idea mi è venuto in mente di utilizzare LinguaPlone o plone.app.multilingual, ma non avevo bisogno di tutto il meccanismo per le traduzioni e il cambio di lingua che forniscono.

Mi sono allora messo a cercare un'alternativa, sfruttando magari quello che Plone offre già.
Innanzitutto, ho provato a giocare con le impostazioni del tool Portal Languages e ho notato che tra esse si poteva determinare la lingua dell'interfaccia in base alla lingua del contenuto corrente.

translation tool

Era praticamente tutto ciò di cui avevo bisogno! Con questo settaggio, infatti, una volta creato un contenuto in inglese, quando ci si entra in visualizzazione o modifica tutta l'interfaccia è in quella lingua.

read more

Sep 18, 2013

Sfruttiamo al massimo la Zope Component Architecture

Poche righe, grossi risultati

Sfruttiamo al massimo la Zope Component Architecture

Filed Under:

Utilizziamo la ZCA per aggiungere selettivamente comportamenti basati su eventi, adapter e componenti registrabili in un sitemanager dentro a un sito Plone

Quando aggiungiamo delle funzionalità agli archetypes di un sito Plone tramite la registrazione di utility, adattatori e componenti simili, essi vengono registrati in un site manager.

Tramite questo tipo di componenti possiamo realizzare eventi che, alla creazione o modifica dell'oggetto, eseguono una specifica azione; o adattatori che forniscono comportamenti aggiuntivi a un oggetto, come ad esempio l'aggiunta di campi tramite schemaextender e altre funzionalità simili.

read more