Personal tools

You are reading the articles stored in Report e pubblicazioni

Nov 23, 2011

Agile day - Roma, 19 novembre 2011

Filed Under:

Diario agile di una giornata agile. Riflessioni a fine giornata dell'evento Agileday di Roma che ci ha visto piacevolmente coinvolti in compagnia di colleghi e amici

Ore 19:30 di sabato. In treno, di ritorno dalla giornata agile di Roma...

"dai Nicola, scrivi il post!"
"(...)"

spritzGià, lo capisco. Ci sono cosi tante cose da raccontare  e uno spritz di happy ending da smaltire :-)

Una signora seduta di fronte a noi ha appena esclamato "siete mitici!" dopo aver condiviso la nostra euforia e le nostre gag da agilisti dell'ultima ora.

Nel mentre passa accanto al nostro sedile il Taz che intima a Max di smettere di twittare ogni tre secondi la cronaca in tempo reale dei nostri spostamenti... è la sindrome dell'agilista sociale (una mutazione del morbo agilista difficilmente curabile con le terapie convenzionali).

Raccontare i singoli talk a cui abbiamo assistito sarebbe riduttivo. Basta una facile ricerca su twitter di #iad11 per rendersene conto (il topic è stato tra le hit di twitter della mattina). 

Twitter... Una vera magia: in presenza di quattro track parallele ti consente di seguirne fisicamente una e partecipare alle altre tre

Benissimo, i miei compagni di viaggio mi stanno offrendo un altro modo per raccogliere gli appunti sparsi di oggi... Provo a catturare alcuni frammenti di conversazione.

Max chiede a Ste di spiegare il business model di RT in 30 secondi (Un po' alla "Startup senza falldown" del mattino). 30 secondi ?! Ardua impresa. 

Ecco che viene riproposto anche qualche accenno del talk di @ziobrando (Volevo solo scrivere codice), nostalgico e velatamente malinconico. Una sua citazione che merita di essere tramandata ai posteri è:

Dopo un metodo di 1500 righe non devi mettere la parentesi graffa ma "e vissero tutti felici e contenti" @paolopolce #iad11

Io potrei parlare di "varchi attivi", "panini freschi" e "tomtom diabolici" per ricordare il talk di @yvonnebindi (L’usabilità delle parole).

spritzStefano ricorda Spaghetti DevOps, Overcoming self-organization blocks e Kanban = Pillola Viola.
Nicola invece non manca di segnalarci Capire e gestire il debito tecnico e La professione dello sviluppatore.
Max chiude il cerchio con il talk su eXtreme Programming, Timeboxing and Kanban e quello del "commerciale agile".

Ok, Nicola ha iniziato a parlare di python, javisti e ide... La signora del sedile di fronte credo abbia dato forfait. L'indole dei satanici programmatori sta prendendo il sopravvento.

Il tempo di un pomodoro e dal sedile accanto non proviene più alcun segno di vita... Ops! Morfeo (o lo spritz della foto) ha avuto il sopravvento! La signora è salva.

cenaDel resto la sveglia alle 3:30 di stamattina è stata tutt'altro che agile. Son serviti 4 caffè per arrivare fin qui e almeno un altro si renderà necessario dopo la cena (agile anch'essa) che ci aspetta a Bologna con gli amici che non hanno potuto partecipare.

Torniamo stanchi ma decisamente arricchiti di esperienze, condivisioni e tanta energia. Maaaaa... mi chiedo: gli agilisti sono esseri umani comuni che hanno visto la luce (come il nostro Nicola stamattina alle 5:30 al bar quando un semplice faretto acceso ha avuto ai suoi occhietti stretti dal sonno l'effetto di un'apparizione mistica) o sono una nuova razza di New Type di Gundamiana memoria? 

Un giorno, forse, troverò anch'io La Risposta.

See you all'Agile Day 2012!

  • attori protagonisti: @massimoazzolini, @nicolasenno, @stemrc, @nekorina
  • attrice non protagonista: la signora del sedile di fronte
  • attori non protagonisti: @bettazzoni, @ziobrando, @ilbonzo, @gaunilone, @guandalf, @yoghi
  • guest star: la bimba di 10 anni (a occhio) che ha seguito tutti i talk della giornata
  • premio della critica: all'ottima organizzazione romana (e non) dell'intero Agile Day, ai relatori, ai reporter (twitters... si dice cosi?) e alla torta alle spezie del buffet di rinfresco!

Se vuoi vedere foto dell'evento, vai al nostro album su Facebook.

Nov 10, 2011

PloneConference 2011: novità e conferme

Filed Under:

Di ritorno da San Francisco, ecco le anticipazioni e le conferme di cui abbiamo discusso durante una delle ultime best conference ever

Ancora una volta: "the best conference... ever" (cit.)
Tre track parallele, numerosi openspace, meeting in e out la conference, social party(!) ogni sera e per finire l'usuale sprint

Le 3D, ma molto altro

Il leitmotif di quest'anno è stato senz'altro il tris di Diazo, Deco e Dexterity. E' già un po' di tempo che se ne parla e non vi nascondo un po' di delusione nel vedere che sono ancora temi importanti.

Il punto cruciale sta nel fatto che negli anni passati è stata tentata una rivoluzione, che avrebbe però avuto un impatto troppo importante su tutto l'ecosistema Plone. Questo ha portato a una serie di complicazioni e di refactoring.

Ora si sta ragionando in termini di add-on per Plone che ne migliorino l'esperienza, senza introdurre stravolgimenti.

Diazo & CMSUI

E' ormai un sistema maturo utilizzato in produzione da molto tempo.

L'idea è di:

  1. semplificare la fase di skinning di Plone limitandola al frontend, più facilmente gestibile da Diazo,
  2. demandare a CMSUI tutta la fase di gestione del backend mantenendo il tutto contestuale, ma indipendente dal layout.

Direi che questi due video da soli sono sufficientemente esplicativi.

Diazo Theme Manager:

CMSUI:

Deco

Sta raggiungendo anche lui la maturazione e si sta lavorando sulla user experience. L'idea in questo caso è quella di sostituire prodotti come PortletPage

o Collage. Questa una preview realizzata dai colleghi di FourDigits.

Dexterity

Sugli scudi infine anche Dexterity, di cui parlammo ancora due anni fa come promessa e che ora sta raggiungendo il suo compimento. Sull'interfaccia c'è ancora da lavorare e non è uno strumento per tutte le stagioni, ma è sicuramente estremamente interessante.

Gli altri temi caldi

I miei talk preferiti sono stati:

  • Clone to Plone
  • Multiplayer Plone
  • Make plone search work like Google

Il primo racconta l'utilizzo di FunnelWeb per migrare portali da un altro sistema a Plone.

Nota mentale: ogni migrazione è un'isola, ogni migrazione è "painful"

Il secondo è stato tenuto da Geir Baekholt su istigazione di Yiorgis Gozadinos e permette di utilizzare Plone un po' alla GoogleDocs con tanto di chat e status:

 

Infine l'uso di Solr al fine di ottimizzare gli indici permette anche di aumentare le funzionalità "googlesche" di Plone:

 

Pyramid

La track "Related Tech" è stata fortemente monopolizzata da Pyramid. E' la tecnologia "sorella" di Plone che abbiamo sposato da tempo. Ne abbiamo parlato qui, qui e anche qui. Senza contare il talk di Andrew che ormai è un bestseller alle varie conferenze.

Pyramid è in diretta concorrenza con Django (framework di cui viceversa non si è parlato). E' da sottolineare il fatto che praticamente tutti i Plonisti a S. Francisco avessero fatto la stessa scelta e questo ci conforta sapendo di aver scelto a suo tempo nel modo corretto, ma soprattutto di essere in buona compagnia.

Il Keynote

Quest'anno l'usuale keynote è stato tenuto da P.J. Onori. Personalmente l'ho trovato di particolare ispirazione: è un inno alla crescita professionale, al capire l'usabilità delle cose, alla condivisione di esperienze tra developer e designer.

Più volte mi sono ritrovato a dire "si! si! si!".

 

I nostri talk

Avrete modo di leggere di più nei prossimi giorni sui talk (e lighting talk) di Andrew e Stefano. Mi limito a segnalarvi le presentazioni:
  • Bootstrap your app in 45 seconds (slideshare)
  • Plone in the Public Sector: Business and Sustainability Models (slideshare)

Oct 20, 2011

RuPy 2011 - Strongly Dynamic Conference

Filed Under:

Last weekend (14-16 Oct 2011) I've attended RuPy (Ruby + Python), a strongly dynamic conference held in Poznań (Poland) and organized by GIK Association. I had a great opportunity to share RedTurtle's "Pyramid and Plone" integration use case with wider audience. It was truly an open source event and a great opportunity to meet geeks from the Ruby community. 

Conference venue It was RuPy's 3rd 4th edition and apart it was the biggest (ca. 300 attendees) I must say - it was the best (I was attending all previous editions). The GIK have chosen Poznań International Fairs as the conference venue which was a damn good idea. During 3 days of the conference there was ca. 30 events (talks, workshops and sprints). Most of them was related to Ruby which is a problem each year. Getting more support from Python community is highly appreciated! 

fancy speaker feedback system What I think is notable is the speaker feedback system. Each room had 3 containers marked: :-) :-| and :-(. After each session the speaker was receiving his anonymous feedback from the audience. From the speaker point of view (so also mine) it's surprisingly easy and gives you great opportunity to check if what you've just said wasn't a completely bullshit. What I would suggest is to make bigger effort in promoting it after each talk.


Interesting talks

my subjective list of notable talks

Programmer Anarchy

by Fred George


Writing your own programming language

by José Valim


Tradeoffs and Choices: Why Ruby Isn't Python

by Yehuda Katz

I didn't find the slides but I hope RuPy team will publish them soon. In the mean time - short abstract:

"When a Pythonista first dives into Ruby, he is confronted with a strange and unusual world. Multiple kinds of functions, implicitness everywhere, violations of the Zen of Python galore! In this talk, Yehuda will talk about the tradeoffs in Ruby's language design: why, in many ways, Ruby couldn't be more like Python even if it wanted to."

Summary

Conference venue It was an amazing weekend with some interesting discussions with people from Python and Ruby world. Thanks RuPy, hope to see you next year!

Last but not least the organization committee followed best practices and shared their website source code to wide public.

 

Sep 28, 2011

ZEA, come una fenice, rinasce da Arnhem

Filed Under:

Seduto nello spazio, gentilmente offerto da Allianz, all'interno dell'aeroporto di Monaco mi ritrovo a raccogliere un po' di pensieri riguardo al meeting ZEA appena concluso. Lo posto solo ora, al termine del lavoro, finalmente con un buon WIFI.

Dopo la rifondazione che abbiamo attuato nei mesi scorsi, abbiamo deciso di tenere una serie di incontri trimestrali. Vogliamo approfondire al massimo la conoscenza reciproca, raccontarci le nostre esperienze e dare/ricevere dai colleghi spunti e opportunità. Una specie di micro-conferenza con cadenza molto ravvicinata.

Questa edizione è stata organizzata da Four Digits presso la loro sede ad Arnhem (Olanda). Per questo semestre, infatti, Rob Gietema è il nostro presidente.

Erano presenti 8 partner oltre a noi:

I talk

La giornata era organizzata in modo da avere talk ma anche spazio per discussioni aperte e lighting talk.

Evito di entrare nei dettagli: c'è un ottimo post di Matt Hamilton (Netsight) che vi invito a leggere.

Primo meeting: un sacco di cose da decidere!

Allo scorso Sorrento sprint è stato eletto un board (Kit Blake, Geir Baekholt e il sottoscritto) e in questo senso eravamo ora chiamati a proporre una strategia da seguire per i prossimi anni.

Questo è un cambiamento importante rispetto alla passata gestione. Abbiamo una strategia, condivisa tra il board e i membri che possono approvarla, emendarla, aggiungere nuove proposte. 

Il presidente, e il suo vice che lo affiancherà fino a sostituirlo dopo 6 mesi, hanno l'incarico di metterla in pratica. Il board supervisiona in modo light i vari presidenti nell'arco di 5 anni. Giusto per garantire un minimo di continuità nelle iniziative.

La nostra proposta è fondamentalmente basata su due capisaldi.

  • ZEA sarà molto più leggera: poca burocrazia, quote di partecipazione contenute (400€ per le aziende oltre i 3 componenti, 100€ per gli altri e try-before-buy fino a tutto dicembre), nessun vincolo di azione o partecipazione da parte dei membri. ZEA agevola le opportunità: non le crea e non le impone.
  • ZEA sarà molto più comunitaria e coesa: una meta-company di 100+ persone, con gli skill derivati dalle competenze di 20+ aziende. Agiremo ognuno come sede locale di ognuno degli altri. Ancora una volta saremo a diffondere il verbo di Plone, come sempre secondo la nostra mission, e lo faremo in modo coordinato e condiviso. 

Le azioni pratiche che contiamo di intraprendere nel breve e nel medio periodo sono:

  • partecipare a eventi transnazionali a livello europeo per far conoscere Plone e il nostro brand;
  • spingere sull'organizzazione e sulla partecipazione a sprint e tune up per continuare a evolvere (evolution not revolution) il nostro CMS preferito;
  • organizzare un Transnational Exchange Programme durante il quale sviluppatori di un'azienda andranno a lavorare in altre aziende del gruppo per qualche tempo;
  • ehm... sì, avremo anche un nuovo website

E non sarà solo Plone. Pyramid e Django già da un po' lo stanno affiancando. E non sarà solo tecnologia, in diversi abbiamo evidenziato competenze consulenziali che finora erano rimaste colpevolmente taciute.

Questa proposte, che come board abbiamo avanzato, sono state apprezzate dai membri e nei prossimi mesi proveremo, appunto, a metterle in pratica.

Mi aspetto un periodo di rodaggio: il livello di collaborazione e interazione cui stiamo tendendo è sicuramente superiore e dovremo oliare ogni singolo meccanismo.

La community

Lo so. Mi ritrovo spesso a ripetere come un mantra la parola "community": nei post, nei talk, nelle serate con i colleghi, nelle presentazioni ai clienti.

Ancora una volta son qui a sottolineare questo aspetto: essere parte di una comunità. 

Questa volta però non è una comunità di persone, ma una comunità di aziende. L'idea di base non cambia: in fondo le persone che guidano queste aziende sono le stesse che negli anni hanno sviluppato e evangelizzato il mondo su plone. Abbiamo ancora la stessa idea fissa (potevo dire meravigliosa). 

Quello che cambia è il punto di vista. Un'azienda deve produrre reddito per sé e per tutte le persone che vi lavorano. E deve farlo in modo continuativo, organizzato, pensato.

Questo è un bene per Plone. E un bene per i nostri clienti (l'esperto della funzionalità che serve al mio cliente è sempre stato a un colpo di telefono, ma lo conosco molto meglio)

Personalmente, l'essere parte di una comunità di imprenditori mi aiuta a semplificare questa fase: tutti tendiamo a rendere le nostre aziende floride e stabili nel tempo, non dovrò più inventarmi in solitudine il modo migliore per farlo, potrò anche mettere a frutto suggerimenti e mediare iniziative già intraprese con successo da altri.

E' stata una 2 giorni impegnativa, carica di aspettative e con molte speranze per il futuro. Come lo stesso Matt nel suo post, anch'io "look forward to the next meeting in January…" ovunque sarà.  :-)

Jul 21, 2011

Appunti sparsi dalla seconda conferenza dei sindaci di Foursquare

Filed Under:

Alla prima edizione della Conferenza dei Sindaci di Foursquare siamo venuti in incognito, ma c’è piaciuta così tanto che quest’anno abbiamo deciso di tornare, partecipando come sponsor. Ed eccomi qua, degno rappresentante delle tartarughe.

L’impressione è buona fin dall’accoglienza, calorosa e ricca di gadget. Francesca mi dà il benvenuto con tanto di fascia tricolore e foto celebrativa (!). La location è molto luminosa e aiuta a creare un clima disteso e informale.

Noto subito che molti partecipanti già si conoscono e scatta la gara a scoprire chi si cela dietro ai vari nickname di twitter. Perché qui si twitta a ritmi da capogiro e tutti sono impegnati a contribuire alla conversazione #4sqconf.

Io sono un utente attivo di Foursquare, faccio check-in e sono sindaco di ben (!) due venue. Ma qui vorrei davvero approfondire il lato business della faccenda.

Tutti gli interventi sono stati molto interessanti, ma quello che più ha trattato questo aspetto di Foursquare è stato lo “scontro” tra Vincenzo Cosenza (@vincos), l’avvocato della accusa, Gianluca Diegoli (@gluca), quello della difesa. Il dibattito ha ruotato intorno alla domanda: “Ma 4sq è solo per le grandi aziende?”.

La risposta più istintiva è: “Certo, è ovvio, servono varie decine di migliaia di euro al mese per stringere accordi forti sulle venue con 4sq”. In realtà, come suggerisce l’ottimo @gluca, questo non è vero: anche la piccola realtà commerciale può creare iniziative, tra l’altro con costi contenuti.

Una preoccupazione condivisa anche dai partecipanti alla conf è il rischio che le grosse aziende usino 4sq in maniera impropria. Ad esempio, usandolo come semplice strumento di promozione,  trascurando completamente le dinamiche (anche ludiche) che muovono strumenti social come questo.

A proposito di aspetti ludici: interessante l’intervento di Fabio Cristi incentrato sulla gamification. Fabio ha messo in evidenza luci e ombre di 4sq: la classifica a punti appare poco interessante per molti utenti, mentre “rubare” la majorship a un amico o a un altro utente è una sfida che piace molto : )

Nello stesso intervento ha passato in rassegna alcuni giochi basati su 4sq: Foursqwar, World of Fourcraft, Booyah, Gowar (gioco italiano!), Gbanga.

Davvero interessante anche la discussione finale con Lorenzo Sfienti, che ha sviluppato con 4sq ,che, a mio parere, evidenzia un punto molto, ma molto, importante. Si tratta di capire se 4sq intenda dare maggiore libertà d’uso dei dati e delle API del sistema agli sviluppatori.

Questo potrebbe fare concretamente la differenza nella diffusione del sistema: basti pensare a cosa ha fatto Google con le mappe (ok, le mappe sono decisamente una cosa diversa, lo so bene, però…). API facilissime da usare, con funzionalità che si sono arricchite nel corso del tempo, molto ben documentate e senza vincoli particolari nel loro uso. Non è poco.

Questo ha consentito una diffusione enorme e a reso di fatto le mappe Google lo standard sul web. E’ vero che dietro c’è un colosso come Google, ma questo approccio ha dato eccellenti risultati anche in una realtà più piccola come Disqus.

Che dire, una giornata piena di stimoli su cui riflettere e di persone interessanti. Grazie ai mimuli e a tutto lo staff per l’ospitalità e l’eccellente organizzazione.

B-R-A-V-I!