Personal tools

You are reading the articles stored in Report e pubblicazioni

Nov 09, 2009

Ploneconf2009: un breve sommario

Filed Under:

Archetypes è morto: lunga vita ad Archetypes

Trovo finalmente il tempo di riassumere i punti salienti della Ploneconf 2009 di Bupadest.

La grande verità

Per la prima volta dai tempi di Plone 2.0 sono davvero convinto che il nostro amato e ben conosciuto Archetypes venga lentamente mandato a morte. La sua sarà una lenta e non facile caduta e molto probabilmente i suoi pezzi vivranno fino ai tempi di Plone 5, ma a differenza di tutte le altre volte l'alternativa che si sta disegnando è reale e soprattutto da qualcosa che Archetypes non aveva.

Sto ovviamente parlando di Dexterity. Questo nuovo framework promette maggiore velocità (il talk di David Glick intitolato "Building Content Types with Dexterity" ha anche mostrato qualche cifra, ma nulla di eccezionale a dire il vero, un particolare confermato anche da Wichert Akkerman nel suo intervento di cui parlo sotto), si integra in modo completo con la ZCA e l'uso delle interfacce... ma non sono questi i particolari che credo determineranno il suo successo.

Per la prima volta non si sta semplicemente fornendo una modo alternativo, ideologicamente più bello ma nella pratica più limitato, per ottenere esattamente quello che Archetypes già fornisce (ho visto vari di questi tentativi in passato, e anche Rok Garbas ci ha riprovato nel suo talk intitolato "Complex Forms with z3c.form"). Dexterity offre una grande nuova funzionalità che è la generazione dei contenuti via Web!

Per chi di voi ha già usato prodotti come ATSchemaEditorNG e derivati, questo potrebbe non sembrare niente di veramente nuovo, ma questa volta la differenza sta nel fatto che questi contenuti saranno esportabili come codice perfettamente funzionante e modificabile.

L'utente Plone potrebbe quindi generare autonomamente i propri modelli dati e richiedere interventi di sviluppo sono per ottenere risultati che l'interfaccia Web non offre... eccezionale!

Le slide e gli esempi sono da analizzare (forse un tantino esagerata anche l'inclusione opzionale dei componenti Grok... ma lo perdoniamo).

Il prodotto attualmente presenta alcuni limiti e mancate funzionalità che non lo fa consigliare per la produzione, ma sono tutte cose che verranno facilmente superate nel breve. Probabilmente Dexterity diventerà lo standard dello sviluppo in Plone 4, convivendo (forse non troppo pacificamente) con Archetypes, per diventare l'unico ospite in Plone 5.

De-cosa?

Era dappertutto e se ne parlava dappertutto... Deco!
Confesso che non mi sono assolutamente interessato all'argomento fino alla conferenza e anche durante la stessa ho schivato tutti i talk a riguardo, poi mi sono ritrovato ad uno degli incontri nella terza giornata (dedicata agli Open Space) in cui l'argomento era "pagine composte" e l'intervento di Limi ha portato l'attenzione su questo nuovo giocattolo.

Deco si dovrebbe occupare solo del layout. Tutti noi potremmo continuare ad utilizzare l'approccio di oggi (creo un contenuto, genero la sua vista) oppure basarci sul layout Deco che permetterà il movimento dei componenti della pagina (tiles) tramite drag & drop.

A sentire Limi l'accessibilità della pagina (intesa come validazione del codice) rimane garantita se si parte da un buon XHTML. Vedremo!

A ruota libera

Essendo finiti gli argomenti principali, finisco con una breve panoramica su alcuni interventi minori che ho trovato per qualche motivo interessanti.

Euphorie: combining grok, dexterity sql content in a single application - Wichert Akkerman.
Wichert ci ha offerto un interessante talk su come usare Plone senza usare Plone. La descrizione di un progetto dove Plone veniva completamente privato di ogni suo componente (sharing, versioning, ...) e dove i dati venivano presi da database relazionale...
...forse conveniva non usare Plone? :-)

plone.app.discussion - Timo
Un veloce incontro negli openspace su un vecchio argomento mai completamente risolto (speriamo sia la volta buona) un nuovo prodotto, speriamo il nuovo prodotto, per gestire i commenti ai contenuti in Plone. Sarà compatibile con Plone 3.3 e diventerà parte del sistema in Plone 4.1.
plone.app.discussion promette la moderazione dei commenti e un workflow per questi, ovviamente personalizzabile. Era ora!

Very frequently asked questions answered for the last time :-) - Andreas Jung
Come potevo non partecipare? Chi di voi non è mai stato ripreso da A.J. almeno una volta?
La persona più "diretta" della mailing list plone-users che ripeteva per l'ennesima volta, nel modo più gentile possibile, alle domande che troppo spesso si è sentito fare (lo so... non erano davvero dirette a lui...).
Non mi sono stupito del suo intervento dopo la lunga discussione che è sfociata nel flaming poche settimane prima della conferenza...
Ho trovato divertente vedere come il giorno dopo qualcuno abbia comunque fatto domande troppo banali nella lista... e con lo stesso approccio di sempre abbia ricevuto in regalo le risposte di A. Jung!

Nov 07, 2009

RuPy conference

Filed Under:

Short summary about RuPy - strongly dynamic conference. The philosophy of RuPy is to put togheter Python & Ruby experts with young programmers and to support a good communication channel for East-West exchange of prospective ideas.

I have been delegated as a RedTurtle member to join RuPy conference that has been held in Poznan, my hometown city.

The idea behind the conference is to try to animate central- and east-european Python and Ruby communities. By inviting experts we want to broaden our knowledge and undersanding of presented concepts. The conference is meant to serve the exchange of ideas on the scientific ground, that is use of mentioned languages for certain scientific problems like, for example, text parsing, and on the buisness ground, like use of Django or Rails for creating web applications.

http://rupy.eu/about/


The state of Plone

short talk presented by Maciej Dziergwa about current Plone situation - based on Matt Hamilton's PloneConf2009 talk. After the talk we had a short discussion about current situation of Polish Plone Community. Plone is still not popular in Poland as it is in Italy...

Compiled Websites with Plone, Django and SSI

very interesting talk by Łukasz Langa and Wojciech Lichota about Plone, Django and SSI deployment. Using stxnext.staticdeployment you can deploy Plone site to static files. You can add dynamic stuff (like commenting) using Django. Finally you can glue everything together using Apache SSI mod_include. If you need search engine you can use and integrate, everything what I've mentioned before, with Xapian (or Solr).
You can find slides here.

Caching techniques in Python

some interesting caching techniques explained by Michał Domański and Michał Chruszcz. In Plone world we already know plone.memoize - a decorator for caching the values of functions and methods. You can use it of course outside Zope/Plone environment. If you need something more - check out i.e. pylibmc. At the end they've covered also reverse proxy with Varnish.

 

Sep 10, 2009

"Plone improvements ideas"

Filed Under:

La comunità Plone cerca feedback da tutti gli utilizzatori

Da un paio di mesi la Plone Foundation ha aperto un servizio di richiesta di idee per le prossime release.

in questo senso dichiara:

This forum exists to allow you to suggest and vote on ideas that you think could improve Plone. We can't guarantee that we'll implement everything that's added here, but this is a chance to influence the future direction of Plone.

alcune di queste idee sono state votate e stanno lavorando per includerle nella release 4:

Puoi ovviamente proporre la tua idea, ma puoi anche votarne altre. Se ben  organizzati, si può anche creare un "gruppo di pressione" in modo che alcuni temi sentiti solo in certi ambiti vengano resi noti anche ai developers.

Un caso è quello dell'accessibilità, tema molto caldo in Italia per via della famigerata legge Stanca, e che in ambito internazionale ci declina semplicemente con un rispetto delle norme del W3C.

Chiaramente il Forum è internazionale e la lingua è quella inglese, ma con il nostro dizionario inglese di fiducia, nulla ci spaventa :)

Aug 12, 2009

pagine composite con Plone

Filed Under:

Una recensione su quattro prodotti plone nati per creare aggregare contenuti in una sola pagina plone.

Com’è noto Plone offre un’interfaccia in cui al centro della pagina visualizzi un oggetto per volta: una pagina, un evento, una news.

Non è, di base, possibile avere contemporaneamente più contenuti provenienti da punti differenti del portale oppure mettere assieme un cercatore, un testo libero e il contenuto di una cartella.

Nei giorni scorsi mi sono trovato a valutare alcuni prodotti Plone che offrano la possibilità di creare pagine composite. Mi sono imbattuto in questi:

I primi due usano un approccio simile ovvero ti permettono di riutilizzare o di inserire contenuti plone all’interno di un’area nella pagina. Gli altri due invece sfruttano le portlet come fornitrici di contenuti.

L’elenco non è esaustivo, ma questi mi sono sembrati abbastanza utilizzabili anche per un utente non esperto. Per tutti quanti l’idea è quella di fornire un meccanismo (abbastanza) facilmente usabile da chiuque e non quello di permettere di creare layout astrusi. Questo è roba per “designer”: gli editor si limitino a inserire e aggregare contenuti.. ;)

CMFContentPanels

CMFContentPanels: due box affiancati

Questo è un prodotto nato con la versione precedente di Plone (la 2.x), ma recentemente è stato modificato e ora funziona anche con la 3.x.

E’ alquanto versatile e l’avevo già utilizzato con la 2.5. Oggi, sinceramente, trovo il suo approccio un po’ datato. Speravo che il porting alla 3.x avesse introdotto ulteriori funzionalità, ma l’impianto generale è tendenzialmente lo stesso.

Inoltre gestisce gli allineamenti tramite tabelle. Dal punto di vista dell’accessibilità non è la soluzione ideale. Buono il fatto che i vecchi portali 2.5 possano essere migrati alla 3.x senza dover obbligatoriamente ricrearne parti ex-novo.

Collage

Ho molto apprezzato Collage per la sua flessibilità. Fondamentalmente funziona a righe all’interno delle quali vai ad aggiungere colonne. In ogni colonna, uno sotto l’altro, puoi aggiungere elementi. Non è studiato per “intabellare” contenuti, quindi non pensare a questo utilizzo, sarebbe una forzatura. E’ tutto realizzato tramite DIV quindi un po’ di CSS può essere d’aiuto per aggiungere un tocco di grafica in più. Tra l’altro ogni oggetto ha la sua classe e/o il suo id per cui è semplice identificare il punto su cui si può agire.

Collage (preview da plone.org)

Ogni elemento può essere aggiunto attraverso semplici e intuitivi menù a scomparsa.

I contenuti che si possono inserire sono tutti quelli disponibili nel portale plone. Questo significa che eventuali tipi custom possono essere utilizzati. Inoltre puoi sia riusare oggetti già creati in qualche altra parte del portale che crearne di nuovi: verranno salvati all’interno del collage stesso.

L’interfaccia è debolmente usabile e ti permette di muovere gli elementi riordinandoli velocemente attraverso delle piccole frecce. Ho solo avuto qualche noia utilizzando l’opzione di copia: da riprovare questa funzionalità.

In generale l’ho trovato ottimo e molto facilmente utilizzabile.

Products.ContentWellPortlets

Questo è il primo dei due prodotti basati su portlet. L’idea è quella di fornire due aree “attive” all’interno delle quali inserire portlet: una sopra il contenuto corrente, una sotto.

un sacco di portlet!

Si applica quindi a qualsiasi oggetto tu vada a creare all’interno del portale e sfrutta tutte le regole delle normali portlet di plone. Questo significa che se in un folder aggiungi una portlet statica in testa, questa apparirà in tutte le pagine contenute nel folder. Esattamente come accade per le due colonne laterali.

Il principale vantaggio sta proprio in questo: essendo applicabile ovunque non hai la necessità di creare tipi ad hoc per avere contenuti speciali. Lo svantaggio è che puoi utilizzare solo portlet e non reali contenuti. Con il tempo le portlet disponibili saranno sempre più e sempre più pervasive: questo svantaggio calerà.

Non puoi e non potrai mai in ogni modo, però, aggiungere un contenuto come tipo custom alla stregua di Collage.

collective.portletpage

E’ un nuovo tipo di contenuto vero e proprio.

E’ una normale pagina Plone con in fondo 4 aree (nord, sud, est, ovest) in cui aggiungere portlet. A differenza del precedente ti permette di gestire con più flessibilità il layout delle portlet: in fondo hai due aree in più…

Anche questo prodotto è ben fatto ed è assolutamente plonish. D’altra parte l’autore è una garanzia in questo senso.

Gestione di PortletPage

Credo che possa essere molto utile per strutturare sottohomepage di un portale o comunque punti di raccolta di informazioni. Il fatto che sia in ogni caso un’estensione di Page ne limita in parte l’utilizzo estensivo: e se volessi le stesse funzionalità su un evento? avrei bisogno di collective.portletevent? D’altra parte, uno sviluppatore può “prendere spunto” molto facilmente da questo prodotto.

Il fatto che utilizzi le portlet poi ha gli stessi vantaggi/svantaggi del precedente.

Il risultato