Personal tools
Agile day 2014. Seconda tappa.

Agili si diventa!

Nov 25, 2014

Agile day 2014. Seconda tappa.

Dopo la tappa estiva, con il MiniIAD, l'agile day si ripropone nel format standard ad Ancona. Fra vecchi e nuovi volti, vediamo cosa siamo riusciti a portare a casa

Era luglio, e Trento aveva aperto la nostra stagione "agile". Dalla montagna siamo passati al mare per la seconda tappa annuale.

Anche stavolta le attese non sono state deluse. Fra vecchie facce e nuovi volti alcuni argomenti sono ormai ripetuti per chi frequenta con regolarità questi eventi; però c'è sempre spazio per spunti interessanti ed è questo che mi piace in questo tipo di conferenze.

La partenza è stata ottima. Il keynote di Matteo Vaccari (@xpmatteo) è stato decisamente interessante.

Foto 15-11-14 09 49 00.jpg

Matteo, ha fatto un'ottima panoramica sulle metodologie agili e sui problemi riscontrati nell'introdurle, partendo dal "Perché è così difficile fare Extreme Programming" e cercando di trovare un percorso fra le varie metodologie per semplificarne via via l'introduzione in un team.
Ci ha raccontato di come XP sia poco usata probabilmente per la quantità di elementi e per l'alto grado di difficoltà che presenta. Ci ha raccontato di come si possa partire da un approccio più "leggero", applicando ad esempio scrum; di come semplificarlo ulteriormente arrivando ad utilizzare kanban; soprattutto ha voluto puntare forte su un concetto:

Se per quanto si provino metodologie agili, queste sembrano sempre troppo complicate, bisogna cominciare a ragionare in termini di problema e affrontare un problema alla volta fino alla sua soluzione. Ma sopratutto, occorre "lasciarsi andare" e uscire dalla propria comfort zone. Sapendo che ci sarà da faticare!

 

Il secondo talk che ho seguito è stato quello di Ilias Bartolini (@iliasbartolini) e Paola Camacho (@PaoCa9) che ci hanno parlato di come la diversità in un team non debba essere un ostacolo, piuttosto una risorsa!

Foto 15-11-14 11 13 07.jpg

Ilias e Paola ci hanno indicato molti esempi di come la diversità sia necessaria in un team per ottenere risultati migliori; uno dei casi più ovvi si può riassumere in questa slide:

Foto 15-11-14 11 09 50.jpg

Ma, al di la dell'ovvio, si è parlato di diversità in tantissimi ambiti, sociali e personali. E' stato un talk ben lontano dall'essere tecnico: in un paese che fa ancora moltissima fatica ad accettare la diversità, anche solo di pensiero, questi sono temi delicati e importanti da affrontare.

La mia mattina è proseguita con il talk di Pierluigi Pugliese (@p_pugliese). Ero curioso di sentir parlare di gestione agile dal punto di vista manageriale e ho deciso di seguirlo: il talk ha ripreso abbastanza concetti già sentiti in un workshop dello stesso Pugliese (a BetterSoftware).

Il quarto talk seguito è stato quello di Lorenzo Massacci (@lorenzomassacci) che ci ha introdotto al magico mondo di LEGO Serious Play:

Foto 15-11-14 15 12 01.jpg

Lorenzo ci ha portato alla scoperta di questo processo di design che si basa su pochi semplici concetti, il più importante dei quali è che:

le nostre mani sono il motore di ricerca del nostro cervello

Ci è stato spiegato come diversi studi attestino il fatto che il lavoro pratico sia di enorme aiuto per visualizzare e realizzare meglio un processo mentale, e di come questo aiuti a migliorare un processo produttivo. E poi... ci ha fatto giocare con i LEGO.... (segue: il papero!)

Foto 15-11-14 15 02 52.jpg

Passiamo a quello che per me è stato IL TALK della giornata. Team non si nasce ma si diventa! Il talk presentato da Marco Fracassari e Jacopo Franzoi era mirato a raccontare alla platea di come, nella loro esperienza, siano riusciti a raggiungere l'obiettivo di essere un team migliore grazie all'utilizzo di tecniche agili.

Foto 15-11-14 15 37 50.jpg

Ho sentito molte critiche al talk, a mio avviso non giustificate! L'ho sentito indicare come noioso oppure come "checklist" delle tecniche adottate da quello specifico team, mentre l'attesa era sui "trucchi" per diventare agili.

“The only place where success comes before work is in a dictionary.”
Vidal Sassoon

Nella mia breve esperienza con l'agile, credo fino ad ora di aver capito bene solo una cosa. Non ci sono ricette magiche che possano aiutare o facilitare il processo tramite cui diventare "agili".

Secondo me questi ragazzi hanno fatto un talk esemplare in cui hanno presentato ai "sempre e comunque scettici" verso le pratiche agili un caso reale in cui un team racconta di avercela fatta, di essere migliorato, di aver visto riconosciuto questo miglioramento dall'azienda, dai loro utenti e da loro stessi.

Il loro è un caso molto specifico? Certo. Il loro cliencite è interno e questo semplifica le cose? Senz'altro! L'agile secondo me insegna pratiche che aiutano, ma la cosa più importante rimane saper identificare e risolvere i problemi. E un problema non è solo il cliente che non collabora. Nel lavoro di un team è importante l'affiatamento, la fiducia nei colleghi. E questo porta al miglioramento. Questo è ciò che secondo me hanno mostrato. E ci hanno raccontato che queste cose non vengono regalate e non capitano dalla sera alla mattina.

Oltre tutto, a mio avviso, il loro talk chiudeva alla perfezione il cerchio con quanto esposto da Vaccari al keynote del mattino!

Abbiamo chiuso il pomeriggio con Alberto Brandolini (@ziobrando) che ci ha parla di debito tecnico. Ci ha parlato dell'ansia che può generare, dell'illusione di averlo sotto controllo, ma soprattutto ci ha chiesto di farci delle domande:

Foto 15-11-14 17 21 29.jpg

Perché, come ci dice Brando, quello che non sappiamo crea ostacoli. Può essere che una volta analizzato a mente fredda il problema, il debito sia più piccolo di quanto si immagina, che non sia necessario rimediarlo repentinamente, o addirittura non sia nemmeno necessario pagarlo.

Cosa portiamo a casa? Come sempre entusiasmo e la speranza di un mondo migliore :-).
La speranza di poter vedere risultati nel proprio lavoro, applicando idee e spunti presi alla conferenza. Personalmente ho sempre più la consapevolezza che l'applicazione di certe pratiche mostreranno risultati solo con una grossa dose di impegno e fatica: dopotutto, quello che ci si chiede è di cambiare la propria mentalità e non è certo una cosa semplice. Ma non per questo è inaffrontabile!

Mi porto a casa anche questa:

BBDmML0CIAAH3CJ.jpg

"rubata" dalla presentazione di zio brando! Sperando di riuscire a seguire sempre il consiglio!

Filed under: ,
comments powered by Disqus