Personal tools

Apr 24, 2010

Cool as Cooliris

Come inserire una galleria fotografica in Plone dalla spiaggia sorseggiando un drink

Cooliris ti permette di ottenere info da una risorsa multimediale web e di creare da queste una galleria fotografica estremamente attraente. Cooliris è stato pensato per le fonti più famose (flickr, youtube, picasa e facebook). In generale però ti permette di utilizzare un media rss generico.

Non è un tool plone, non è fortemente integrato, è tutto bellamente esterno. Se ne occupa qualcun altro a farlo funzionare. ahhh, relax.

 

Ma perchè ci interessa in ambito Plone?

Plone può essere utilizzato come portale, come blog, come intranet ecc. chiaramente inserire una galleria Cooliris vien comodo.

Questo blog è ovviamente realizzato in plone (what else? :) ed è stato banale inserire la gallery qui sopra. Ho semplicemente utilizzato il sistema Express di Cooliris e generato quello che loro chiamano "wall". Poi l'ho incluso in questo post.

D'altro canto, Plone è anche un generatore di contenuti.

Tutti sappiamo che possiamo inserire immagini in un portale plone, ma anche inserirle all'interno di una news o anche creare tipi ad-hoc che le prevedano.

Chiaramente anche eventuali video possono essere gestiti, così come (ad esempio se si utilizza redturtle.video) ottenere riferimenti a contenuti che sono su youtube.

Vien facile quindi pensare che, con un po' di programmazione, si possa dire a plone di generare, magari a partire da una collezione, un media rss che cooliris possa lavorare per noi. Un po' come si fa per il classico rss della collezione stessa.

<?xml version="1.0" encoding="utf-8" standalone="yes"?>
      <rss version="2.0" xmlns:media="http://search.yahoo.com/mrss/"
      xmlns:atom="http://www.w3.org/2005/Atom">
      <channel>
          <item>
               <title>Picture A</title>
               <media:description> This one's my favorite.</media:description>
               <link>pl_images/A.jpg</link>
               <media:thumbnail url="http://example.com/pl_thumbs/A.jpg"/>
               <media:content url="http://example.com/pl_images/A.jpg"/>
          </item>
          <item>
              <title>Video B</title>
              <link>http://example.com/pl_images/B.jpg</link>
              <media:thumbnail url="http://example.com/pl_thumbs/B.jpg"/>
              <media:content type="video/x-flv"
              url="http://example.com/pl_images/B.flv"/>
          </item>
      </channel>
      </rss>

 

In questo modo puoi:

  • avere contenuti "social" aggregati in qualche modo sul tuo portale
  • avere contenuti del tuo portale che diventano "social" via i media rss
  • avere i tuoi contenuti in una gallery "cool" nel tuo stesso portale (o in altri che tu stesso gestisci)

In aggiunta al servizio Express hai anche a disposizione un po' di API (se non hai delle API non sei nessuno :) e scegliere se utilzzare javascript o flash per realizzare la tua gallery. Chiaramente non è un lavoro per comuni mortali, serve sempre almeno tuo cugino, quello che sa di internet, o forse magari un bravo professionista :D

Tutto facile, tutto già pronto?

Un buon uomo di marketing ti direbbe: "thatì's all folks! enjoy"

Per vostra fortuna non sono ancora passato al lato oscuro della forza. Mi piace, quindi, ricordarvi che, per un sacco di buone ragioni, il buon Plone non ti permette di inserire tag object all'interno del corpo della pagina.

Niente di devastate comunque, occorre che vi ricordiate di abilitarlo esplicitamente. E il nostro amico Sam Knox ci ricorda come.

Chiaramente questo settaggio farà sì che ogni utente (si tutti, anche quello cui stai pensando e che fa sempre dei danni) abilitato sul vostro portale o blog Plone potrà effettuare questa operazione. Be careful :)

L'altro punto da tenere in considerazione è proprio il fatto che si tratta di un sistema esterno, che non controllo, che ha le sue politiche, che da un giorno all'altro potrebbe variarle.

Ma anche questo è questo il web 2.0, no? Occorre conoscere, pensare e valutare se un tool fa al caso nostro o meno. Una volta fatto, si vive tranquilli.

comments powered by Disqus