Personal tools

May

May 31, 2011

Il ContènTOUR riparte bene

Filed Under:

Al suo secondo anno di vita, la nostra iniziativa di evangelizzazione su Plone e sul Free Software inaugura la sua nuova veste a Bologna.

A quanto pare, il dichiarato obiettivo del ContènTOUR è stato raggiunto ancora una volta: il pubblico è stato contento del Content Management System (non a caso: Plone!) come lo raccontiamo noi.

Senza gadget né veline, non è facile tenere il pubblico in sala per un'intera giornata: il nostro segreto è creare curiosità, e poi soddisfarla.

Rispetto alle tre edizioni del 2010, quest'anno si è partiti con un programma completamente rinnovato. Plone resta il nostro cavallo di battaglia, ma quest'anno ha condiviso la scena con altre tecnologie sorelle, a partire da altri figli prediletti di papà Python: OpenERP, Pyramid, TRAC ma non solo loro.

Spiegare l'Open Source

La preoccupazione è quella di sempre: combattere i pregiudizi negativi e la faciloneria. Crediamo di riuscire a farlo bene, proprio partendo da demo e casi di studio che fanno percepire sia la crescita delle opportunità offerte dall'open source, sia la crescita delle responsabilità che si affrontano quando ci si impegna seriamente "con" il software e "per" il software.

contentour2011_d

Per non essere noiosi

Tra pochi giorni, anche le nuove presentazioni saranno disponibili sulle pagine Slideshare del ContènTOUR. Ma se ne contiamo il numero e la lunghezza, vediamo che il piatto forte oggi è un altro: le demo online che abbiamo predisposto, talora appoggiandoci a soluzioni in produzione, e i case study, molto più efficaci di una presentazione generica nel far capire cosa si può fare con le tecnologie che usiamo.

Il pubblico (della più varia estrazione: dall'Università al Comune, all'Azienda ai Consulenti nel settore della comunicazione sul Web, senza trascurare il settore bancario ed i vecchi amici di ENEA) certamente non ci ha consentito di annoiarci: nel clima familiare che si è creato, le domande sono state numerose e stimolanti. E' proprio questo che vogliamo fare, creare interesse, creare curiosità. Perchè è vero che di Plone e di software libero si parla molto, ma bisogna parlarne ancora di più.

contentour2011_b

Parliamo del ContènTOUR?

ContènTWITT: #ctour2011

Quest'anno è più facile: il nostro hash tag su Twitter è #ctour2011, abbiamo il nostro gruppo su facebook e su LinkedIn, e come ogni anno i nostri comunicati stampa viaggiano nei siti più frequentati da chi si occupa di IT nelle Aziende e negli Enti Pubblici.

Prossima tappa: Roma, 28 Settembre

Ci ha piacevolmente sorpreso, la mattina dopo l'edizione di Bologna, di avere già un primo iscritto alla tappa di Roma, che sarà ospitata dall'ENEA, in Lungotevere Thaon di Revel: prosegue quindi anche la tradizione dei ContènTOUR ospitati da Clienti delle nostre aziende, come l'anno scorso fu al Comune di Padova, con oltre cento presenze. Tutto fa pensare che questo importante numero possa essere raggiunto anche quest'anno.

pubblico_coffee_break

 

 

May 06, 2011

Una giornata da "informavori"

Prima esperienza all'Italian Information Summit: tanti spunti di riflessione e una certezza... siamo affamati di informazione :)

IASummit - nel pubblicoPrendo in prestito il termine "informavori", citato ieri dal prof. Bussolon nel talk "Fondamenti cognitivi dell'architettura dell'informazione" al V° Summit Italiano di Architettura dell'Informazione, perchè mi sembra riassumere un po' le 8 ore di incontri e seminari a cui ho assistito. Siamo affamati di informazione.

IASummit - tavola rotondaLa tavola rotonda di apertura, invece, ha affrontato il tema del ruolo dell'utente nella progettazione di interfacce e applicazioni. Impossibile riassumere tutto in un post: basta dare un'occhiata ai tweet scambiati in tempo reale per rendersi conto della tempesta di idee che ha animato la giornata.
Mi piace perciò l'idea di riprendere solo alcuni spunti della discussione usando solo le parole/tag e i pensieri che ho annotato a ruota libera.

  • Creatività, sinergia, empatia... possono andare a braccetto?
  • Non ci sono utenti nè clienti, ma... persone!
  • Progettare siti web equivale a progettare habitat digitali, all'interno dei quali l'utente/persona si muove... anche in modo imprevisto!
  • Training on the job.
  • Knowledge transfer.
  • Qualità percepita dall'utente Vs. qualità reale del servizio.
  • Il portale viene erroneamente identificato con la piattaforma tecnologica: la tecnologia, invece, deve essere invisibile per dare spazio alla comunicazione (fatta attraverso il portale) e incentrare la progettazione sull'utente!
  • Uno dei maggiori paradossi dei giorni nostri: applicazioni sempre più complesse con interfacce sempre più semplici.

IASummit - tagPer finire chiuderei con un bellissimo assunto proposto dalla prof.ssa Fiorella de Cindio del Dipartimento di Informatica e Comunicazione

dell'Università degli Studi di Milano, a proposito dei nuovi strumenti messi a disposizione degli utenti per interfacciarsi con le informazioni:

"l'iPad va considerato come oggetto di culto che deve apparire o come strumento (che deve scomparire)?"
Per estensione anche un sito web deve comportarsi nello stesso modo: inizialmente deve apparire per attrarre gli utenti, poi deve farsi invisibile per favorire la ricerca delle informazioni e la fruizione dei contenuti.

E non posso certo omettere la considerazione finale che mi vede pienamente d'accordo: "l'oggetto di culto è molto maschile e richiede manuali d'uso voluminosi e compliccati, mentre lo strumento ha una connotazione tutta femminile, come una lavatrice, e puo' essere usato senza istruzioni perchè immediato e di facile comprensione" :D

Che dire se non... buon summit a chi avrà la possibilità di seguirlo anche nei prossimi giorni!

Varnish purge after article rate

Filed Under:

For one of the projects we are using a very aggressive Varnish configuration. We are caching also html (not for long but still) for anonymous users. It could be a problem if you have some dynamical features - like rating. 

But not any more. Using this simple vcl add-on you can purge article view after making a vote:

sub vcl_recv {
...
   if (req.http.Cookie && req.http.Cookie ~ "statusmessages=") { 
       purge("req.url ~ " req.url);
       pass;
   }
...
}

 

It simply checks if you have a statusmessages cookie in request (after rating an article Plone is displaying confirmation status message) and purge current url from cache. Simple, clean and it works!

May 03, 2011

Un ERP che scende dal Web: Aeterna Water CUP

Filed Under:

Molte importanti "prime" per RedTurtle: primo portale worldwide, prima applicazione con estensivo uso di Pyramid e front-end Plone, prima soluzione ERP-like con interfaccia Web. Un primo passo di tutto rispetto, destinato a ripetersi in futuro. Un approccio che ha trasformato in realtà l'idea di un'azienda completamente delocalizzata.

Il progetto

RedTurtle Technology, in partnership con Mimulus, ha realizzato il portale globale corporate che Aeterna Water, una multinazionale del settore Acqua, utilizza a supporto della promozione, commercializzazione e assistenza di impianti di conservazione e distribuzione dell’acqua e derivati per consumo individuale. Il portale comprende la gestione di servizi tra cui  e-commerce e sales force automation.

Logo Aeterna Water

La tecnologia

Il portale, accessibile anche tramite dispositivi mobili (è dotato di interfacce specifiche per iPad), serve cinque categorie di utenti: la forza vendita, gli addetti di magazzino, il personale "Operations", il servizio di assistenza, ed i Clienti.

Il sistema, basato sulla integrazione profonda tra il framework Pyramid (destinato alle logiche applicative) e il CMS Plone (destinato al front-end Web), e appropriatamente denominato CUP, acronimo di Corporate Unified Platform, spicca non solo per la poliedricità ed il livello di integrazione con il mondo mobile, non escluso un dialogo diretto con i dispositivi di distribuzione acqua (connessi con il sistema via SMS), ma anche per la complessità dei flussi di lavoro implementati nella varie aree, workflow che risultano fortemente personalizzati sulla base delle specifiche fornite dal committente, che ha investito in una completissima analisi funzionale preliminare, che ha agevolato fin dall'inizio un approccio integrato nella realizzazione dei diversi componenti logici e operativi, numerosi dei quali si trovano all'incrocio di differenti workflow, mentre alcuni sono contraddistinti da una forte componente algoritmica.

Un ERP di nuovo genere

Il sistema, che si appoggia al DB libero Postgres, è anche la Intranet su cui il Cliente gestisce le forniture e il magazzino, e costituisce quindi una sorta di ERP con front-end Web, emulando numerose delle prestazioni tipiche dei gestionali di altissima gamma, con l'aggiunta di funzionalità tipiche dei portali Corporate.

Logo CUP Aeterna Water

Questa sua doppia natura, assieme all'articolazione dei workflow, ha reso necessaria una gestione particolarmente sofisticata di utenti e gruppi, che tenga conto di un utilizzo multilivello, dal C-level (CEO – CFO – COO – CTO – CMO) ai Clienti e addetti di magazzino, senza escludere la forza vendita ed i fornitori.

Azienda delocalizzata? Approccio TTW! La dimostrazione pratica dei vantaggi di un utilizzo evoluto delle tecnologie Web

Obiettivo principale: supportare un'azienda ambiziosa e moderna, completamente delocalizzata e priva di uffici e sedi fisiche, garantendo al contempo lo stesso livello di sicurezza e di servizio offerto dai competitors.

Questi gli ambiziosi requisiti del progetto, che ha consentito di tradurre in realtà un modello di business che non prevede grandi sedi Corporate né sedi amministrative.

Catalogo delle funzionalità

Gli strumenti e servizi disponibili (per ragioni di spazio la lista omette alcune voci) comprendono:

  • Extranet Cliente:
    • Anagrafica Clienti
    • Stato / inserimento ordini
    • Stato / gestione pagamenti
    • Chiamate di emergenza, Accesso al supporto tecnico
    • Risorse Cliente (FAQ, formulari di reclamo o di customer satisfaction)
    • Previsione di profitto
    • “Water footprint counter” (monitorizza il risparmio energetico realizzato dal Cliente
  • Strumenti Intranet
    • Messaggistica interna
    • Calendario
    • Indirizzario
    • CMS
    • Forum
  • Gestione inventario
    • Creazione catalogo
    • Gestione magazzino
    • Stock trends
    • Logistic track
    • Limiti di autorizzazione
    • Statistiche macchina
  • Sales Force Automation
    • Gestione rete vendita (leads, trends, revenue)
    • Configuratore di macchina
  • Piattaforma Ecommerce
    • Fatturazione, Controllo pagamenti
    • Export dati finanziari
    • Shopping online
  • Gestione contenuti Web (navigazione per tag, SEO friendly)
    • Creazione pagine, Multimedia Gallery
    • RSS
    • Formulari online
  • Knowledge Management (Forum, FAQ, Repository documentale)
  • Marketing Automation
    • Corporate identity manuals
    • Download strumenti di comunicazione
    • Email marketing
    • Target and transformation page
    • Gestione Campagne

Un modello destinato a ripetersi

Il modello concettuale dietro a CUP è generalizzabile a tutte quelle realtà che non gestiscono in proprio il processo produttivo e che pongono l'enfasi sulla delocalizzazione: pare quindi sicuro che in tempi brevi RedTurtle affronterà nuove sfide nello stesso settore.